Lots of project…

La meccanica è proprio una brutta bestia!😀   Tralasciando i dimensionamenti strutturali che li sogno di notte, è divertente vedere un oggetto e capire com’è fatto al suo interno senza doverlo per forza smontare. Se poi incappi in una passione, come questa, dove qualsiasi oggetto costa tantissimo, ma ovviamente non puoi permettertelo, ecco allora che lo stare a scuola a fare ore in più davanti ad una macchina diventa anche piacevole.🙂

Un attimo… a rileggerla così può esser sembrare una semplice considerazione quindi per farla diventare un pezzetto di storia devo fare una piccola prefazione: è iniziato tutto quando ho comprato il cavalletto (mitico Manfrotto 055XB… quello dei poveri ok, ma resta il massimo anche se pesa due volte quello in carbonio) e mi sono reso conto che per fare degli scatti mi serviva la colonna orizzontale. Così ho ben pensato di farmi l’ adattatore a scuola, anche visti i 30 euro che ci volevano per comprarlo.                       Dopo aver buttato giù un progetto con rhino e un ciclo di lavoro mi sono avviato alla creazione. Inutile dire che, paventata l’ idea di farlo con un centro di lavoro CNC, il ciclo per tornio e fresa è finito nel cestino in un secondo! Figata vedere un blocchetto di alluminio trasformarsi in un adattatore in meno di 2 min (più il tempo di settare macchina e utensili che quello di lavorazione😦 )! Alla fine ne è venuto fuori un bell’ adattatore, un pò spartano ma funzionale.

Da li a pensare in grande il passo è stato breve e, ovviamente, quando si hanno le conoscenze (e la scuola che ti da scarti e ti paga l’ uso di macchine che costano 40/50 euro l’ ora) la cosa diventa assai più facile. Così sono nati un bel pò di progetti, molti ancora virtuali, tra i quali il “Panohead project”, l’ ultimo in ordine di tempo e anche il più complesso. L’ idea è nata un anno e mezzo fa al termine del Camino de Santiago de Compostela: durante quel viaggio feci le prime due panoramiche (a mano… neanche col cavalletto) e subito è scattata l’ idea.

A maggio dell’ anno scorso ho iniziato a progettare una slitta che doveva servire decentrare lungo la lunghezza dell’ obiettivo il punto nodale (quindi solo foto orizzontali e affiancate) ma, complice la necessità di un progetto da sviluppare per l’ esame di stato e i 550 euro per comprarne una (Manfrotto 303SPH), il progetto cambiò presto.                     Così da Settembre è iniziato il luuuungo calvario della progettazione: una cosa immane e, a conti fatti, quei soldi li vale tutti… però la soddisfazione ripaga                                       E’ stato creato utilizzando solamente i PDF esplosi (per capire quali erano i singoli componenti) e un pò di foto raccattate su Flickr. Quasi una copia direbbe qualcuno… il design è quasi uguale ma i pezzi sono ricavati dal pieno (non ho 4000 euro per farmi fare uno stampo che verrebbe usato una decina di volte🙂 ), le misure le ho decise io e il materiale che ho scelto è molto più resistente.

Ad oggi il progetto e pronto, le viti ci sono e una parte, quella che ho deciso di fare alle macchine utensili, è pronta. Rimangono solo tutte le parti che vanno tagliate col centro di lavoro (grazie al cazzo è praticamente l’ 80% del lavoro) che però… finchè rimane rotto…

Ovviamente se mi mettessi a conteggiare le ore perse dietro ad un progetto simile penso che farei prima a comprarmelo… Ma farsi le cose da se e, soprattutto, farle secondo le proprie necessità non ha prezzo!🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...